CNV 2020: PARTENZA IN SALITA PER L’“ARMADA LUSO-ITALIANA”

CNV 2020 - ROUND 1

Campionato portoghese: partenza in salita per l’“armada luso-italiana”.

Il Campionato Nazionale Velocità 2020 è partito lo scorso week-end dal circuito dell’Estoril, per la gioia degli appassionati di motociclismo.

Piloti e team hanno potuto contare sul meteo favorevole ma, nell’ultima giornata del primo appuntamento della stagione, dal cielo è arrivata un’inattesa pioggia a “rinfrescare le idee”, dopo la lunga attesa imposta dalla pandemia di Covid-19.

L’Eni Aprilia Portugal Racing Team ha inaugurato il campionato a tutta velocità e a ranghi completi; purtroppo però Tiago Magalhães è rimasto coinvolto in un rocambolesco incidente sulla Curva da Orelha il venerdì, giorno delle prove ufficiali FMP.

Fortunatamente Magalhães ne è uscito illeso ma i danni alla sua RSV4 RF gli hanno impedito di partecipare alla prima gara del CNV Moto 2020.

João Diogo Silva e Filipe Lourenço hanno proseguito la propria corsa alla ricerca di punti, subendo tuttavia una sorta di “jet lag” dovuto alla lunga sospensione a causa dell’emergenza.

Filipe Azevedo, il nuovo arrivato nel team di Lisbona, ha preso confidenza con la Aprilia RSV4 RF e lavora sodo per migliorare le proprie prestazioni e raggiungere i primi posti sulla griglia della Dunlop Motoval Cup.


Tiago Magalhães - SBK #19
“Che week-end impegnativo! Già venerdì, mentre iniziavo a prendere il ritmo, sono rimasto coinvolto in un incidente che ha condizionato il mio lavoro su pista per il resto della giornata, obbligando i tecnici a ricostruire la mia Aprilia RSV4 RF.
Sabato mattina sono partito sicuro e veloce ma un problema tecnico dovuto alla caduta mi ha obbligato ad abbandonare in questo inizio di stagione, fermandomi a zero punti in entrambe le gare. Torneremo ancora più forti a Portimão!
Ringrazio tutti gli sponsor e lo staff per il supporto!”


João Diogo Silva - SBK #15
“È stato un week-end positivo, sono riuscito a superare dei record personali e a segnare il migliore tempo di giro di 1:44.14. Nella prima gara sono partito male e questo mi ha fatto perdere troppo tempo, impedendomi di lottare per entrare tra i primi sei.
Già nella seconda gara ho ottenuto il sesto posto e ne sono soddisfatto ma sono convinto di riuscire a fare di meglio. Ora non mi resta che lavorare per la prossima gara a Portimão tra 15 giorni!
Vorrei ringraziare la mia famiglia, il mio team e gli sponsor per il loro costante supporto!”


Filipe Lourenço - SBK #93
“In questa prima fase all’Estoril il nostro obiettivo era raggiungere un buon ritmo e ci siamo impegnati al massimo. A ogni giro di pista i tempi miglioravano, così come la mia sicurezza alla guida della RSV4 RF! Abbiamo raggiunto l’undicesimo posto in qualifica con un tempo di 1:46.185!
Nella prima gara abbiamo avuto alcuni problemi legati alla temperatura dello pneumatico posteriore che mi hanno costretto a rallentare e a perdere un po’ di sicurezza, ottenendo il decimo posto. Nella seconda gara sapevamo di dover partire alla grande per unirci al gruppo più veloce. Questo mi ha permesso di gareggiare a un buon ritmo e di battere il mio record personale con un tempo di 1:45.368 che mi ha fatto meritare il nono posto.
È stato un week-end positivo che ci ha motivati in vista della prossima gara a Portimão, tra due settimane! Un ringraziamento a tutti gli sponsor, al mio team e alla mia famiglia!”


Filipe Azevedo - CDM #79
“Sapevamo che questo week-end avremmo dovuto affrontare alcune difficoltà, ci eravamo preparati a lungo ma la pandemia non ci ha permesso di portare a termine i nostri progetti. L’allenamento di venerdì è stato molto doloroso a livello muscolare e questo mi ha impedito di essere al top quando mi sono messo alla guida. Abbiamo concluso la giornata di prove con dei dubbi sulle gare del week-end ma non ci siamo mai arresi. Dopo essermi ripreso fisicamente, ho affrontato le prove programmate con un buon ritmo, riuscendo anche a superare il mio record sul circuito dell’Estoril. L’umore era buono e abbiamo iniziato la gara dalla quindicesima posizione.
Sono partito bene ma con il proseguire della gara il dolore muscolare è tornato e il mio obiettivo è diventato arrivare alla fine della gara. Abbiamo raggiunto ottimi tempi in prova, potendo partire il secondo giorno di gara sicuri e guadagnando fin da subito alcune posizioni. Dopo il primo giro è stata esposta la bandiera rossa a causa di una caduta alla prima curva e siamo stati costretti a ripetere la partenza. Siamo riusciti anche questa volta a recuperare posizioni, il ritmo era buono ma per un’uscita di pista abbiamo perso terreno. Questo ci ha impedito di raggiungere il gruppo dei primi dieci.
In generale, è stato un fine settimana positivo che ci ha permesso di guardare con ottimismo alle prossime gare, in particolare quella che si svolgerà all’Autodromo Internazionale dell’Algarve, tra due settimane.
Vorrei ringraziare il mio team, la mia famiglia e gli amici che mi hanno sostenuto durante tutto il week-end”.