WSBK, TEST PRE-STAGIONE A JEREZ

WSBK, TEST PRE-STAGIONE A JEREZ

Milwaukee Aprilia ha completato i primi test del 2018.

Milwaukee Aprilia ha iniziato in gran stile il test della WorldSBK 2018, con i piloti Eugene Laverty e Lorenzo Savadori protagonisti di due intere giornate sul circuito spagnolo di Jerez.

Reduce dalla rigenerante pausa invernale e dai recenti test di novembre 2017, il team era impaziente di continuare a sviluppare la Aprilia RSV4-RF per la stagione 2018. Eugene e Lorenzo hanno lavorato a un programma di test completo portando a casa ottimi risultati. Nuove parti e diversi setup sono stati impiegati nei due lati del garage dando al team la certezza di poter proseguire il percorso iniziato col debutto della stagione 2017.

Il team è atteso per altre due giornate di test sul circuito di Portimao in Portogallo, da domenica 28 a lunedì 29. Sarà l’ultima occasione per correre in pista prima del primo test ufficiale WorldSBK sul circuito australiano di Phillip Island che si terrà a febbraio.

Shaun Muir - Team Principal
Le due giornate di test a Jerez sono state davvero eccezionali. Sono stati fatti grandi passi in avanti dall'ultimo test di novembre, e ci stiamo muovendo nella direzione giusta. Paragonando i tempi di circuito, con le gomme da corsa saremmo stati sulle posizioni P2-P4 al termine di queste due giornate di test, e senza dubbio, possiamo affermare di aver fatto dei progressi.
Eugene ha superato i problemi di aderenza sul posteriore avuti nel 2017, ed è nella giusta forma per portare avanti questo percorso di sviluppo. Lorenzo, invece, si è concentrato sui long run e su come affrontare le curve, raccogliendo con questi test una serie di dati utili.
Ora ci aspettano altre due giornate di test a Portimao, e sfrutteremo questo periodo per mettere in pratica quello che abbiamo imparato e arrivare al meglio alle Phillip Island di febbraio. Quel che è certo è che siamo già in una posizione più solida rispetto allo scorso anno. I nuovi membri del nostro staff si sono ambientati rapidamente e il team sta svolgendo un ottimo lavoro. Nel complesso si respira un’aria di sicurezza e una sensazione positiva su entrambi i lati del garage: stiamo dando il massimo per assicurare il miglior inizio possibile per questa stagione

Eugene Laverty 
Il test nel suo complesso ha portato ottimi risultati, anche se martedì è stato un giorno frustrante perché, per quanto il tempo sul circuito sia stato ragionevole, l'aderenza sul posteriore è stata pessima. Sapevo perfettamente che con un grip maggiore avremmo potuto migliorare. Mercoledì invece è stata una giornata eccellente in cui abbiamo ottenuto un tempo incredibile, e sono davvero felice di come tutto il team abbia lavorato per raggiungere questo traguardo. Ottenere alla fine 1'39,876 è stato un enorme passo in avanti e siamo solo a metà strada. Abbiamo i tempi giusti ma sappiamo di dover dare ancora tanto.
La differenza principale per quanto mi riguarda è di essere stato in grado di dare allo pneumatico posteriore più presa sulla pista. I piloti più robusti non hanno grossi problemi nel farlo perché il loro peso li aiuta, ma io sono più leggero e mi risulta più difficile. Nel 2017 abbiamo avuto molti problemi con lo pneumatico posteriore; non per la sua durata, ma perché non riuscivamo ad usarlo al meglio e a farlo spingere abbastanza. Abbiamo risolto questo intoppo modificando il bilanciamento e l'entrata in curva della moto, e sono certo che in futuro riusciremo a essere ancora più forti.
Sapevo che Jerez sarebbe stato il periodo più importante del test pre-stagione perché la moto deve essere molto veloce per vincere. Per quanto riguarda Portimao, è un tracciato che conosco molto bene e ho avuto modo di imparare diversi stratagemmi per conseguire un buon tempo sul circuito. È stata una giornata chiave per noi in cui abbiamo dimezzato la distanza con i primi posti. Siamo ancora in grado di fare molto..

 

Lorenzo Savadori 
Quello di Jerez è stato un test davvero impegnativo durante il quale abbiamo raccolto molte informazioni utili sulle moto. Abbiamo provato diversi setup e diverse parti, mettendo a frutto la nostra esperienza dello scorso anno e lavorando al nostro piano per il 2018.
Per quanto riguarda me, il ritmo sulla moto è migliorato e ora mi sento molto più a mio agio, anche grazie al perfezionamento dell'entrata in curva. Mi piacerebbe sentire ancora di più la moto, ma non siamo arrivati al setup finale per la RSV4-RF e abbiamo molti altri dati da usare.
Attendo con ansia il prossimo test a Portimao. Ci aspetta un programma molto serrato con diverse novità, e per me è fondamentale prepararmi al meglio per il circuito di Philip Island.