WSBK, TESTS A JEREZ DE LA FRONTERA

WSBK, TESTS A JEREZ DE LA FRONTERA

Milwaukee Aprilia ha completato due giorni di test di valore sul circuito di Jerez in Spagna.

Meno di tre settimane dopo il finale del WorldSBK 2017 al circuito internazionale di Losail in Qatar, il team è tornato in azione, sfruttando l'esperienza acquisita nell'anno per continuare a sviluppare e migliorare l'Aprilia RSV4-RF.

Il test ruotava attorno all'esplorazione del setting e delle indicazioni all'interno dei nuovi regolamenti per il 2018, principalmente il ridotto limite RPM e la posizione del motore. Entrambi i piloti hanno testato i cambi nella distribuzione del peso e nell'aderenza posteriore, aree che stavano migliorando gara per gara nel 2017. Attenzione è stata posta anche sulla prova delle componenti, principalmente al nuovo cambio e alle specifiche del motore progettate attorno al regime più basso.

Il test è l'ultimo del team per il 2017, ma lo sviluppo proseguirà per tutto l'inverno per mettere la squadra nelle migliori condizioni possibili per i primi test del 2018 a gennaio.

Shaun Muir - Team Principal
Questo test ha riguardato soprattutto la prova di nuove parti per il 2018 e l'acquisizione di familiarità con i nuovi regolamenti: è stato bello riunire tutto il team e attingere a ciò che abbiamo appreso nel 2017, che è fondamentale per la prossima stagione.
Non abbiamo inseguito qui i tempi sul giro, ed è difficile fare paragoni con la la gara. Invece ci siamo concentrati sul prevedere una configurazione stabile per RSV4-RF, e questo include nuovo cambio, nuovo motore e altre nuove parti da finalizzare.
Ci sono diversi nuovi membri dello staff da integrare nella squadra, incluso un nuovo capo squadra per Lorenzo, e sono stati un paio di giorni promettenti per tutti. Nel complesso è stato per noi un importante test pre-stagionale che ci ha insegnato alcune cose sulla moto riguardo i nuovi regolamenti e che ci dà una buona direzione per i test di gennaio.

Eugene Laverty 
Il test ha riguardato innanzitutto l'esplorazione dei nuovi limiti. Dovevamo capire come usare il cambio in modo diverso, il che renderà il pilota più impegnato perché abbiamo bisogno di spostarci di più. Non posso dire molto di più sui bassi regimi, dovremo solo conviverci, come faranno tutti i produttori.
Oggi ci siamo concentrati anche su un tipo di problema che ho avuto durante quest'anno al posteriore, così da poter frenare, curvare ed accelerare meglio. Martedì abbiamo fatto dei grandi passi avanti, ho guadagnato di molto in aderenza posteriore, il che mi dà fiducia perché conferma ciò che pensiamo sulla moto, e la direzione che dobbiamo seguire.
Vorrei avere un terzo giorno come sempre, così da poter continuare a progredire, ma sono stati due giorni molto utili. Dobbiamo ancora dare la caccia a chi sta davanti e Aprilia sa come è necessario agire su motore e telaio. Sappiamo la direzione da prendere, sarà il secondo anno con la stessa squadra e la stessa moto, e possiamo solo diventare più forti.

 

Lorenzo Savadori 
È stato un test molto impegnativo. Abbiamo completato molti giri ogni giorno e abbiamo provato alcune nuove impostazioni e indicazioni per il 2018. L'obiettivo è stato quello di migliorare il mio comfort e il mio ritmo sulla moto, cosa su cui basare l'aumento delle prestazioni.
Di sicuro abbiamo perso un po 'di velocità con l'RPM più basso, ma lo stesso vale per tutti gli altri nel paddock. Aprilia ha apportato molti cambiamenti e la moto è abbastanza diversa da guidare, ma abbiamo fatto un buon lavoro sull'RSV4-RF e dovremmo essere fiduciosi. Abbiamo lavorato molto anche sul grip posteriore, provando anche soluzioni opposte e questo è stato molto importante.
Ci sono ancora molti dati da analizzare, ma sono contento di come questo test sia stato, dovremmo essere sempre positivi. Il team è stato eccezionale quest'anno e, naturalmente, lavoreremo tutti molto durante l'inverno.