WSBK, ROUND 1 - PHILLIP ISLAND

WSBK, ROUND 1 - PHILLIP ISLAND

Milwaukee Aprilia ha conquistato punti all’arrivo in Gara 2 a Phillip Island, dopo un weekend difficile nel primo Round del Campionato.

Secondo le nuove regole per il 2017 che ha visto una griglia inversa per la prima volta nel Campionato mondiale Superbike, i piloti Lorenzo Savadori ed Eugene Laverty hanno iniziato rispettivamente all’11° e al 5°. Erano nel bel mezzo dell'azione, con entrambi i piloti in rapido progresso sulle loro nuove Aprilia RSV4 RF.
Dopo un incidente sabato, Lorenzo era determinato a progredire in Gara 2. Ha eseguito alcuni buoni passaggi e rapidamente ha dimostrato un forte ritmo terminando 9° con 7 punti.
Dal 5° posto Eugene ha combattuto una battaglia entusiasmante con Alex Lowes e Xavi Fores per la supremazia. Ha guidato forte, ma non è stato in grado di mantenere il ritmo per tutta la gara e alla fine è tornato a casa al 10° con 6 punti.
I risultati non sono quelli che il team sperava arrivando a Phillip Island, ma ha acquisito una grande quantità di dati preziosi dal primo Round, e continuerà a progredire compiendo passi in avanti verso la parte alta della griglia di partenza per il secondo round del WSBK.

Il Round 2 del World SBK 2017 si correrà sul Chang International Circuit di Buriram, in Thailandia, dal 10 al 12 marzo.
 

Mick Shanley, Team Manager
E’ stato un weekend di gara difficile per noi, non c'è da nasconderlo. Siamo venuti qui per un risultato finale più forte di quello che abbiamo ottenuto, ma essendo nuova la moto sono emerse alcune cose che forse non ci aspettavamo.
Abbiamo un sacco di dati e un piano su quello che dobbiamo migliorare per la prossima gara in Thailandia. I ragazzi del team hanno lavorato duramente per tutto il weekend, e la prossima settimana lavoreremo sodo insieme SMR ed Aprilia.
Non è stato un weekend facile, ma è dimostrato che quando le cose funzionano siamo in grado di farvi fronte. Abbiamo visto ottime prestazioni da Eugene e Lorenzo, hanno raggiunto comunque buone posizioni, qualificandosi più in alto di quanto abbiano fatto prima. L'aspettativa del team è alta: vogliamo contare e lottare con i leaders.
 

Lorenzo Savadori, moto n. 32
La moto andava abbastanza bene in Gara 2. Dopo la caduta nella gara di ieri abbiamo verificato di nuovo la messa a punto, e abbiamo trovato alcune cose utili per oggi.
Ho perso un sacco di tempo per superare gli altri piloti dall’11° posto in griglia, e non è stato possibile raggiungere il gruppo di testa. Verso la fine della gara il ritmo comunque non era male, e sono felice di aver ottenuto alcuni punti.
Sappiamo quali sono i problemi con la moto, e abbiamo ancora bisogno di migliorare il feeling e il ritmo in gara. Anche l'usura dei pneumatici è un aspetto da considerare, ma penso che possiamo ottenere un risultato migliore in Thailandia.

Eugene Laverty, moto n. 50
E’ stata una gara veramente dura oggi. Alla partenza abbiamo avuto buon ritmo e stavo per riuscire a raggiungere Alex Lowes, ma il mio ritmo ha ceduto e ho cominciato a rimanere indietro. Ho guidato duro e ho cercato di aggrapparmi al gruppo, ma il nostro ritmo di gara non era adeguato.
La pista non ha davvero giocato a nostro favore e questo è dimostrato, ma sono fiducioso che possiamo usare questo weekend per ritrovare il giusto passo e migliorare.
Noi non vogliamo solo fare piccoli passi in avanti; vogliamo conquistare posizioni di testa. Al momento la moto è ancora da migliorare, ma la squadra sa che sono certo che lavorerà molto per la sua messa a punto.