MOTOGP IN AUSTRIA

MOTOGP IN AUSTRIA

MotoGP

LE NOVITA' APRILIA ALLA PROVA DI UNA PISTA MOLTO PARTICOLARE

La seconda gara MotoGP dopo la pausa estiva vede i team della massima serie affrontare lo storico circuito austriaco del Red Bull Ring. Inaugurato nel 1969, è stato rinnovato totalmente qualificandosi come una delle strutture più moderne del Mondiale. I suoi quasi 6 chilometri di asfalto sono caratterizzati da lunghi rettilinei separati da frenate impegnative, che mettono alla prova piloti e mezzi in maniera piuttosto severa ma diversa rispetto ai restanti appuntamenti del calendario.

Le novità tecniche introdotte dall'Aprilia Racing Team Gresini sulle RS-GP di Espargaró e Lowes dalla gara di Brno sono state subito apprezzate da entrambi i piloti, che vedono nella pista austriaca il migliore banco prova possibile. Dopo le buone risposte fornite nel weekend di gara, gli aggiornamenti si sono confermati validi nei positivi test post-gara di lunedì in Repubblica Ceca.

ALEIX ESPARGARO'
"Quella austriaca è una pista strana, molto diversa da tutte le altre del calendario. Lo scorso anno mi sono divertito, è un tracciato dove il motore conta molto. Con i passi avanti in questo frangente che abbiamo fatto nel weekend di Brno sono fiducioso. Sono sinceramente curioso anche perchè già lo scorso anno la Aprilia RS-GP a livello di passo ha fatto una delle gare più competitive della stagione".

SAM LOWES
"A Brno durante i test abbiamo lavorato molto in vista di questa gara. La prima parte della frenata è la fase dove fatico ancora a sfruttare al meglio la RS-GP, ma credo che le prove di lunedì ci abbiano permesso di fare un grosso passo avanti. Il nuovo pacchetto tecnico introdotto da Aprilia in Repubblica Ceca dovrebbe aiutarci, questa è una pista start-and-stop dove frenata e accelerazione sono cruciali".