MOTOGP - SUPER GARA IN ARGENTINA

MOTOGP - SUPER GARA IN ARGENTINA

MotoGP

GRANDE WEEK-END PER L'RS-GP E GLI ALFIERI DI NOALE, PER LA PRIMA VOLTA ENTRAMBI A PUNTI. 7° STEFAN BRADL, 10° ALVARO BAUTISTA.

CONTINUA LA CRESCITA PER IL PROGETTO MOTOGP. ALBESIANO: "UN WEEKEND RICCO DI SEGNALI INCORAGGIANTI"

Al termine di una gara tiratissima e densa di incognite - dal meteo alle gomme - le Aprilia RS-GP portano a casa il miglior piazzamento della loro storia e, soprattutto, continuano il percorso di crescita confermando una affidabilità eccellente per un progetto così giovane.

In una giornata segnata da condizioni estreme, che hanno messo fuori gioco diversi riders, i piloti dell'Aprilia Racing Team Gresini hanno perfettamente interpretato la corsa. Nella prima parte di gara, precedente la sosta ai box, il ritmo di Alvaro Bautista è cresciuto giro dopo giro, permettendogli di recuperare posizioni fino alla undicesima. Purtroppo una incomprensione con un altro pilota alla prima curva, proprio nel giro del rientro al box per il cambio moto, lo ha fatto scivolare e costretto alla rimonta. Anche la sosta obbligatoria non è stata particolarmente fortunata per Bautista, scivolato davanti al garage sul cemento umido. Tornato in pista il numero 19 ha impostato una seconda parte di gara accorta su una pista insidiosa concludendo decimo.

Incredibile la gara di Stefan Bradl. Partito in maniera non perfetta, il pilota tedesco ha comunque messo in mostra grande concentrazione. Riconosciute le condizioni difficili del tracciato, Stefan ha mantenuto un ritmo costante fino al cambio moto, azzeccato nel tempismo, riuscendo a sopravanzare nell'occasione un paio di piloti. Una volta rientrato in pista Bradl ha deciso di mantenere la posizione senza prendere rischi inutili, ottenendo, anche grazie ad alcuni ritiri, un comunque ottimo settimo posto che rappresenta il miglior risultato fino ad ora per la Aprilia RS-GP.

ROMANO ALBESIANO - RESPONSABILE APRILIA RACING

"È stato per noi un weekend ricco di segnali incoraggianti. Dal punto di vista della prestazione, la prima parte di gara di Alvaro è stata decisamente positiva. Poi la scivolata in pista e l'incidente nel cambio moto hanno ovviamente pregiudicato un po' la sua gara. Il piazzamento di Stefan è frutto di una ottima gestione di gara, in condizioni come quelle odierne è facile fare errori. Oltre al risultato quello che mi conforta è la crescita dimostrata in questo weekend, non ci illudiamo ma sappiamo di poter migliorare ancora".

 

FAUSTO GRESINI - TEAM MANAGER

"Il risultato è una bella sorpresa ma siamo stati costantemente veloci. Stefan ha fatto un gran risultato e Alvaro senza le due scivolate poteva migliorare ancora la sua posizione. Oggi abbiamo raccolto molti dati e individuato molte aree in cui possiamo migliorare. Peccato per quanto successo ad Alvaro al cambio moto, dovremo comunque discuterne con l'organizzazione, la troppa fretta va a discapito della sicurezza". 

ALVARO BAUTISTA

“È stata una giornata molto lunga e difficile, con il programma cambiato più volte durante la mattinata, poi la decisione del pit-stop obbligatorio. Nella prima parte di gara mi sentivo davvero bene, ho fatto una bella partenza e sono arrivato a lottare per la decima posizione. Proprio nel giro in cui avevo previsto di rientrare ai box, alla prima curva mi sono quasi toccato con un altro pilota e non sono riuscito ad evitare la caduta. La moto è rimasta accesa quindi sono ripartito subito, poi in corsia box mentre stavo frenando sono passato dall'asfalto al cemento umido e non ho potuto fare niente per evitare il meccanico che stava per prendere la mia moto. Ho controllato velocemente le sue condizioni e sono risalito in sella. A quel punto ho puntato a finire la gara, la pista era davvero insidiosa. Peccato perchè prima della caduta stavo lottando con Laverty, quindi mi sarei potuto giocare il quarto posto. Diciamo che alla luce di tutto è andata bene così, un altro risultato positivo per me e per Aprilia”.

 

STEFAN BRADL

“Un risultato fantastico per Aprilia, per il team e per me. La prima gara con la RS-GP 2016 non era stata particolarmente fortunata, oggi ci siamo riscattati. In queste circostanze difficili abbiamo fatto un ottimo lavoro, anche la strategia di fermarsi subito per cambiare moto si è rivelata la più corretta. Abbiamo guadagnato qualche posizione proprio nel pit-stop, e sono riuscito ad essere subito veloce con la seconda moto. Non era comunque facile restare in pista, c'erano chiazze di umido ovunque, ho rischiato un paio di volte quindi ho deciso di abbassare il mio ritmo per non cadere. Lo pneumatico posteriore della seconda moto oltretutto non mi dava lo stesso feeling, quindi non potevo spingere di più. Complimenti ad Aprilia e ai ragazzi del mio team, è stata davvero una gara incredibile”.