TEMPERATURE AUTUNNALI ACCOLGONO APRILIA AL RED BULL RING

TEMPERATURE AUTUNNALI ACCOLGONO APRILIA AL RED BULL RING

MotoGP

TEMPERATURE AUTUNNALI ACCOLGONO APRILIA AL RED BULL RING

BUONA CRESCITA PER BAUTISTA, BRADL RALLENTATO DA UNA SCIVOLATA

L'inedito tracciato austriaco del Red Bull Ring ha ospitato, sotto un cielo plumbeo, le prime due sessioni di prova per la MotoGP. Condizioni ben diverse rispetto ai test di due settimane fa, con asfalto molto freddo, situazione tale da richiedere uno sforzo aggiuntivo a piloti e team nella ricerca del miglior setup.

Alvaro Bautista è stato protagonista di una prima sessione cauta, mentre nelle FP2 del pomeriggio ha mostrato una incoraggiante crescita specie per quanto riguarda la costanza del passo. Veloce anche con gomme molto usurate, il pilota spagnolo ha portato la sua Aprilia RS-GP al sedicesimo posto finale nella classifica combinata, con il tempo di 1'25.882: un miglioramento di oltre due secondi rispetto alla sua prestazione nelle FP1.

Il compagno di squadra nell'Aprilia Racing Team Gresini, Stefan Bradl, ha dovuto fare i conti con un tracciato assolutamente nuovo per lui, avendo saltato i test di tre settimane fa perchè reduce dalla caduta nel warmup al Sachsenring. La sua giornata è stata ulteriormente condizionata da una caduta nel primo turno, senza conseguenze fisiche ma penalizzante per quanto concerne la ricerca della giusta confidenza sull'asfalto austriaco.

 

 

ALVARO BAUTISTA
"Oggi abbiamo trovato condizioni nettamente diverse rispetto ai test. Dalla mattina al pomeriggio c'è stato un miglioramento ma le temperature si sono comunque mantenute piuttosto basse. Ho affrontato le FP1 con cautela mentre nelle FP2 siamo riusciti a fare delle buone prove. La gomma posteriore più dura, in particolare, mi ha dato sensazioni positive specialmente per quanto riguarda il ritmo e la costanza. Mi considero soddisfatto soprattutto perchè, se escludiamo i primi due, non siamo cosi lontani da chi ci precede e domani potremo sicuramente migliorare. Utilizzeremo anche un motore nuovo che, su questa pista, ci potrebbe aiutare a trovare qualche decimo".‬

STEFAN BRADL
"Sicuramente non è stato un giorno semplice. Le temperature molto basse non mi hanno aiutato a prendere confidenza con questa nuova pista, sulla quale non ho mai guidato una MotoGP, e la caduta di stamattina non ha facilitato le cose. La ruota anteriore era staccata dall'asfalto e appena ha ripreso contatto si è bloccata, fortunatamente non ho riportato conseguenze fisiche. Nelle FP2 ho ritrovato il mio passo giro dopo giro, domani il meteo dovrebbe migliorare e questo ci aiuterà".‬